Giovani topoline crescono

Pubblico questo post con due giorni di ritardo, ma questa settimana ho avuto talmente tante cose da fare che non ho avuto un secondo libero per connettermi e scriverlo.

Alla fine è fatta, ragazzi: la vostra Topolina è maggiorenne! ^^
Intanto che sperimento un po’ alla volta tutte le novità che implica l’avere diciotto anni, desidero augurare buone vacanze a tutti: domani parto e sto via per una settimana, prima di riprendere a lavorare, ma ciò non significa che non mi farò sentire!
Ora scappo a preparare la valigia perché il tempo stringe, ma prometto che tornerò prestissimo con tanti nuovi, succulenti articoli! 🙂

Be’, a questo punto ci si vede, gente!

topolina

Please follow and like us:

Somme di fine 2012

Ancora poche ore e potremo dare il benvenuto all’anno nuovo, cari lettori, perciò eccomi qui a scrivere l’ultimo post datato 2012, proprio come ho fatto l’anno scorso.

Sono parecchi giorni che leggo, in giro per internet, commenti pessimisti riassumibili in

Che anno di m***a è stato, era meglio se i Maya facevano finire il mondo.

 … perciò suppongo di andare un po’ controcorrente quando dico che, per quanto mi riguarda, sono assai soddisfatta di questo 2012 che sta per concludersi: del resto, ho superato con un discreto successo il compimento inferiore di strumento, ho ottenuto la cintura marrone, hanno convocato la mia orchestrina a suonare l’inno d’Italia davanti a Napolitano e a un bel po’ di altri “pezzi grossi”… insomma, cose molto simpatiche, non credete? 🙂
E questo solo se parliamo del piano scolastico, perché su quello “letterario” è successo persino di meglio: quest’anno, infatti, ho letto tanti bei libriccini – secondo aNobii, almeno un centinaio – di cui molti nell’ambito del progetto, ho mandato avanti i miei progetti scrittevoli e, soprattutto, il mio blogghetto ha continuato a darmi un sacco di soddisfazioni! <3

A proposito del blog, forse vi sarà piacere sapere qualcosa di più sulle statistiche: come potete verificare voi stessi nell’ultima voce della colonna qui a destra, Pensieri d’Inchiostro ha superato da poco le 140’000 visite dall’inizio, cioè da fine giugno 2011. Tante? Poche? Sinceramente non mi interessa: so solo che vedere un numero a tanti zeri mi riempie di felicità e di orgoglio! 🙂

Inoltre, le visite giornaliere e la media delle stesse è decisamente aumentata rispetto allo scorso anno: negli ultimi sei mesi del 2011 le visite totali sono state 40’000, mentre in tutto il 2012 ne ho registrate ben più di 100’000! La media giornaliera dello scorso anno, poi, era di 210 click… cresciuta fino a 276 nel corso di quest’anno.
Particolarmente positivo è stato, infine, quest’ultimo mese di dicembre, con un totale di ben 11’000 visite, di cui mediamente 360 al giorno, e giusto ieri il blog ha registrato il record assoluto di 651 visite in un solo giorno! Dei bei numeri per brindare tutti insieme, non trovate? ^^

Il merito è vostro, naturalmente, perché per quanto un blog possa contenere articoli interessanti (?) sono pur sempre i suoi lettori a renderlo popolare. Quindi grazie a voi, come sempre!

Tre hurrà per i mitici lettori di Pensieri d'inchiostro!

Tre hurrà per i mitici lettori di Pensieri d’inchiostro!

Mi pare di aver detto tutto, a questo punto. Ci rivediamo nei prossimi giorni, in cui posterò le letture di dicembre e la mia classifica dei migliori e dei peggiori libri del 2012, e naturalmente pubblicherò le nuove recensioni!

Continuate a seguirmi, mi raccomando! La vostra amica Topolina vi augura uno strepitoso 2013 e… che comincino i botti!

fuochi_artificio

Please follow and like us:

Ma Babbo Natale esiste?

Stando a quanto si ricorda, la Topolina non ha mai creduto veramente a Babbo Natale (perché sì, cari bambini, è tutta un’invenzione, ahimè!), neppure quando era una cucciolotta: preveriva metterla sul “È bello crederci comunque, anche se in pratica è un’assurdità”. Avete mai fatto caso, infatti, a quanto sia improbabile che un simpatico vecchio sovrappeso riesca in una sola notte a distribuire doni a tutti i ragazzini del mondo? Be’, nel caso non ci aveste mai pensato, vi invito a leggere questa divertente dimostrazione a riguardo:

babbo_nataleIniziando dal mezzo di trasporto, nessuna specie conosciuta di renna può volare. Ci sono però 300.000 specie di organismi viventi animali ancora da classificare; anche se la maggioranza di questi organismi è rappresentata da insetti e germi, questo non esclude completamente l’esistenza di renne volanti, peraltro conosciute solamente da Babbo Natale.

Ci sono due miliardi di bambini (considerando tali quelli sotto i 18 anni) al mondo. Dato però che Babbo Natale non sembra trattare – a parere di alcuni, mentre è il contrario a parere di altri – con bambini musulmani, indù, buddisti, leghisti ed ebrei, il carico di lavoro effettivo si riduce al 15% del totale, cioè circa 300 milioni. Con una media di 3,5 bambini per famiglia, si ha un totale di 85,7 milioni di locazioni – presumendo che ci sia almeno un bambino buono per famiglia.

Babbo Natale ha 31 ore lavorative, grazie ai fusi orari e alla rotazione della Terra, assumendo che sia abbastanza scaltro da viaggiare da Est verso Ovest. Questo porta a un calcolo di 822,6 visite per secondo, il che significa che, per ogni famiglia cristiana con almeno un bambino buono, Babbo Natale ha circa 1,3 millesimi di secondo per:
– trovare parcheggio (vabbè, questo è semplice: può parcheggiare sul tetto della casa e non ha pertanto problemi di divieti di sosta);
– saltare giù dalla slitta;
– scendere dal camino;
– sistemare i doni sotto l’albero di Natale;
– mangiare ciò che i bambini mettono a sua disposizione (o almeno portarselo via: d’altra parte, è pur vero che non sembra in gran forma fisica, quindi probabilmente si ferma anche a mangiare);
– risalire dal camino;
– saltare sulla slitta;
– decollare per la successiva destinazione;
– raggiungere la successiva destinazione.

Assumendo che le abitazioni siano distribuite uniformemente su una superficie quadrata pari al 5% delle terre emerse (questo per tener conto della distribuzione non uniforme dei bambini buoni), abbiamo una distanza media di circa 300 metri e un percorso totale di quasi 30 milioni di Km. Questo implica che la slitta di Babbo Natale viaggia a circa 270 Km/s, a quasi 800 volte la velocità del suono. Per comparazione, la sonda spaziale Ulisse (l’oggetto più veloce creato finora dall’uomo) viaggia appena a 43,84 Km/sec, e una renna media – non volante – a circa 0,0083 Km/s (30 km/h).

slitta babbo nataleIl carico della slitta aggiunge un altro interessante elemento: assumendo che ogni bambino riceva una scatola media di Lego (del peso di circa 1 Kg), la slitta porta circa 85.700 tonnellate, escludendo Babbo Natale (notoriamente sovrappeso, ma la cui massa può essere trascurata nel nostro calcolo). Sulla Terra, una renna può esercitare una forza di trazione di circa 150 Kg. Anche assumendo che una “renna volante” possa trainare 10 volte tanto, non è possibile muovere quella slitta con 8 o 9 renne: ne serviranno circa 57.000. Questo porta il peso complessivo, contando anche la slitta, sopra le 97.000 tonnellate. Per avere un confronto, il transatlantico Queen Elizabeth II ha una stazza di 71.500 tonnellate.

icuramente, quasi 100.000 tonnellate che viaggiano alla velocità di 270 Km/s generano un’enorme resistenza (oltre che un’immensa onda d’urto in grado di risucchiare verso sé alberi, edifici e bambini cattivi). Questa resistenza riscalderà le renne allo stesso modo di un’astronave che rientra nell’atmosfera. Il paio di renne di testa assorbirà 2,7 quintilioni di Joule per secondo. In breve si vaporizzerà quasi istantaneamente, esponendo il secondo paio di renne e creando assordanti onde d’urto (bang) soniche. L’intero team verrebbe vaporizzato entro 3,5 centesimi di secondo: essendo però quello un tempo superiore a quello medio di volo, e immaginando comunque che renne e Babbo Natale possiedano tute anti-G, possiamo supporre che la completa distruzione avverrà dopo un certo numero di visite.

Conclusione
Ebbene sì. Babbo Natale forse c’era, ma ora è sicuramente morto.

Bene, ora che sapete la verità potete morire felici! 🙂
Scherzi a parte, ragazzi, la Topolina vi augura un topoloso Natale e un 2013 ricco di sorprese!

pupazzo-neve-babbo-natale-slitta

Please follow and like us:

Holiday Time

Come da titolo, amici lettori, è ormai tempo di vacanze: da domani, infatti, starò via per una decina di giorni.

Naturalmente non abbandonerò il mio adorato blog, dato che continuerò a pubblicare articoli, ma nel caso non mi facessi sentire tanto spesso (per esempio con i commenti) saprete perché. Non dovrò mica passare le vacanze attaccata a internet, no? 🙂

Comunque sia, ci risentiremo molto presto. Intanto, però…

Please follow and like us:

Fuori 16!

Permettetemi un piccolo post per festeggiare i miei 16 anni… con una bella torta personalizzata. ^^

Per l’occasione ho deciso di regalarmi il nuovo libro di Mario de Martino, I figli di atlantide, comprato sul Casini Store per soli 1,90€ grazie ai “punti piuma” che ho accumulato scrivendo recensioni sui loro libri. Eccolo qua, in tutta la sua magnificenza:

Credo che correrò subito a iniziarlo, prima che comincino ad arrivare telefonate su telefonate…
Per il momento è tutto, gente! 🙂

Please follow and like us: